3 consigli su come scegliere il titolo di un Romanzo

Scegliere il titolo di un Romanzo può diventare un rompicapo per ogni Scrittore.  È inutile dire che trovare la perfetta sintesi a un Libro, attraverso alcune semplici parole, è una fine operazione d’intelletto. Di fronte a essa, soprattutto gli scrittori meno esperti possono vivere una sorta di blocco emotivo.

La domanda cruciale probabilmente è: come si sceglie il titolo migliore per il proprio Romanzo? E se commettessimo un errore imperdonabile?

Anche se talvolta sono le case editrici e i loro editor a suggerire i titoli adeguati agli autori, è vero a che riuscire a orientarsi da sé è particolarmente importante. Trovare il titolo giusto e accattivante per un Romanzo è meno difficile di quanto sia possa pensare. Provate innanzitutto a ridimensionare le preoccupazioni che vi affliggono: siete riusciti a scrivere un libro di 200 o 300 pagine, la questione del titolo è decisamente la meno rilevante!

Vi darò 3 consigli che mirano soprattutto a scoprire ed evitare errori banali. Per quanto  sembri ovvio, restringere il campo delle scelte in maniera logica, aumenta le possibilità di arrivare alla frase o all’espressione che rappresenta meglio il nostro Romanzo, e che  farà da titolo del Libro.

Non scegliete il titolo prima della conclusione. Optate per un titolo di lavoro. Dal punto di vista del metodo, una buona prassi è quella di non scegliere il titolo prima di avere concluso il Romanzo. Infatti, soltanto alla fine avremo un quadro definitivo  e lo potremo osservare nell’insieme, come se ci trovassimo di fronte a un bel dipinto. Un titolo dato all’inizio rischia d’essere fuorviante prima di tutto per noi stessi, e rappresentare una costrizione. Raccontare una storia ci porta a cambiamenti importanti in fase di revisione e conclusione, che potrebbero rendere inadatto il titolo scelto inizialmente.

Il titolo deve annunciare ciò di cui si parla nel Romanzo. Non fraintendetemi. Non intendo dire che il titolo deve raccontare la trama del Libro o rivelare che fine farà il protagonista. È però certo che deve fornire al lettore degli strumenti per potersi orientare.  Avete scritto un Romanzo rosa o fantasy? Fatelo sapere, con un titolo adeguato. Questa parte comporta un’accurata analisi critica del Romanzo, in grado di individuare la miglior chiave di lettura della vostra storia.

Incuriosite il Lettore, ma non rinunciate a una buona dose di fascino o mistero. Uno dei talenti di chi scrive è la capacità di utilizzare il linguaggio con finalità poetiche. Il che significa, dal punto di vista narrativo, inventare storie e situazioni che esibiscano più letture e significati. Non fornite, con il titolo, interpretazioni della vostra storia. Piuttosto create un titolo che crei un effetto sospeso e una naturale curiosità, che il lettore potrà a soddisfare soltanto se legge il vostro Romanzo.

Facciamo l’esempio di un titolo abbastanza famoso: Delitto e castigo (Crime and Punishment, in inglese) dello scrittore russo Fyodor Dostoyevsky.

Questo titolo ci anticipa di cosa si parlerà nella storia: un delitto, a cui seguirà una punizione.  In qualche modo delinea una situazione, e anticipa una trama di tipo poliziesco. Ma la seconda parte del titolo, ci fa comprendere che c’è qualcosa di più e la storia non è classificabile come un giallo. Il Romanzo già dal suo titolo induce a riflessioni filosofiche, e ci spinge a volerne sapere di più. E’, cioè, un ottimo titolo.

Stai progettando un Libro o cerchi supporto per la revisione? Contattaci subito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...