Il verosimile e l’incredibile in un Romanzo

Il Romanzo mima la vita, che spesso è ricca d’invenzioni più della Fiction. Ci sono due poli, tuttavia, tra i quali si muove una qualsiasi opera di fantasia, entrambi importanti: il verosimile e l’incredibile. Entrambe sono categorie utili e necessarie, cerchiamo di comprendere a cosa servono, qual è la loro funzione,  perché ci è facile riconoscerle all’interno di una struttura narrativa.

1) Il verosimile:  intendiamo la capacità che ha uno scrittore di farci sembrare una storia realistica o credibile? La domanda rischia di essere molto dibattuta e si presta a molte risposte. In primo luogo, probabilmente, con l’obiettivo della “verosimiglianza” uno scrittore cerca di rappresentare un certo modello di realtà in maniera molto vicina al vero. Non sono escluse altre possibilità.

Per esempio, Honoré de Balzac è uno scrittore che appartiene alla corrente del realismo dell’Ottocento.  Le sue capacità ritrattistiche sono note; in epoca moderna è stato molto amato dagli sceneggiatori e dai registi per l’ambientazione realistica delle sue storie, dalle quali era possibile cogliere la descrizione dei luoghi e dei personaggi fin nei particolari. Un certo tipo di abbigliamento, o di situazione – per esempio una cena, o un incontro galante  –  in Balzac sono descritte con grande dovizia di dettagli,  e questo porta il lettore a un’immersione totale nel soggetto raccontato.

2) L’incredibile: l’incredibile nel Romanzo è quel piano dove realtà e fiction si confondono diventando tutt’uno. L’incredibile in una storia è un elemento di grande fascinazione, è l’adattamento che lo scrittore realizza per dare alle vicende un vero e proprio carattere romanzesco. Sono incredibili, nel Don Chisciotte di Cervantes, i racconti che personaggi come Cardenio e Dorotea fanno, perché invece che pastori e contadinotti essi si rivelano principi, ed eredi di regni. In Moll Flanders di Daniel Defoe ci sembra ci sembra incredibile che la protagonista abbia una biografia tanto varia e ampia quanto quella di dieci donne: piccola orfana, libertina e dama di compagnia, con un numero esorbitante di uomini, ladra impareggiabile, colono in una terra lontana. Eppure è con un caleidoscopio di eventi che l’Autore crea il romanzesco nella sua opera e sorprende il lettore.   

 Hai quasi finito il tuo libro e cerchi un parere o un aiuto la Pubblicazione del tuo manoscritto? Contattaci Subito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...